Montalto di Castro

1. Castello Guglielmi (14 km da noi)

Tra gli edifici principali, spicca ovviamente il Castello Guglielmi che, con la torre quadrangolare ricoperta d’edera, può essere considerato il simbolo della città.

Anche se la leggenda ne attribuisce la costruzione a Desiderio (VIII sec.), duca di Tuscia e poi re dei Longobardi, il palazzo, fu costruito intorno al XV secolo dagli Orsini, subendo poi nel corso del tempo diverse modifiche e ristrutturazioni: tra queste le merlature e la loggia i cui lavori si sono conclusi nei primi del 900’.

Il castello è accostato su un lato alle mura del Comune, delle quali segue la linea curva acquistando così una forma convessa. Questo lato costituisce la parte più antica della fortezza: sulle sue pareti, sormontate da merlature guelfe, si possono ammirare numerose aperture in stile rinascimentale ed ottocentesco. L’altra ala del Castello è stata costruita successivamente, nel XVIII secolo, completamente in laterizio.

2. Chiesa di Santa Maria Assunta (14 km da noi)  

montalto_di_castro_-_chiesa_di_s._maria_

Percorrendo via Soldatelli si giunge davanti alla bella facciata settecentesca della Chiesa di Santa Maria Assunta.

L’edificio mostra sopra il portale di travertino lo stemma di Papa Pio VI Braschi che ne promosse il completo rifacimento nel 1783.

L’interno, a unica navata, è decorato con interessanti dipinti della fine del XVIII secolo mentre in una teca, sulla destra, sono conservate le reliquie di Quirino e Candido, i santi patroni di Montalto.

3. Il parco Archeologico di Vulci (26 km da noi)

parco_archeologico_di_vulci_-_le_rovine.

L'area archeologica del parco è racchiusa dalla cinta muraria originaria (IV sec. a.C.), formata da solidi blocchi di tufo che per secoli hanno protetto la città e dalle Porte Urbane, tra cui la monumentale Porta Ovest, vicino la quale potete anche ammirare i resti di un acquedotto romano.

All'interno dell'area troviamo il Foro con il Tempio Grande e l'Arco Onorario, opera commemorativa di Publius Sulpicius Mundus, senatore romano vissuto nel I secolo a.C., il podio di un imponente tempio etrusco anch'esso in tufo (V sec. a.C.), diversi ambienti della cosiddetta domus del Criptoportico lussuosa dimora aristocratica del II sec. a. C., un piccolo tempio dedicato ad Ercole ed un bellissimo Mitreo risalente al III sec. a.C.

Sulla sponda opposta del fiume, si trova invece la Necropoli Etrusca, che custodisce migliaia di tombe tra le quali spicca la preziosa Tomba François (IV sec. a. C.) alla quale si accede attraverso un lungo corridoio, la Tomba delle Iscrizioni e l'imponente Tumulo della Cuccumella.

Alla preziosa Tomba François (che prende il nome dall'archeologo Alessandro François che la scoprì nel 1857) appartengono i meravigliosi affreschi, per la maggior parte custoditi nella Villa Albani a Roma, i quali raffigurano la saga dei fratelli Vibenna e Servio Tullio, nel periodo di lotte contro i Tarquini per il predominio su Roma.

4. Laghetto del Pellicone (27 km da noi)

parco_archeologico_di_vulci_-_laghetto_d

Il Pellicone e' un piccolo lago formato dal fiume Fiore, si trova all'interno del parco archeologico naturalistico di Vulci nel comune di Montalto di Castro. A monte del lago il fiume Fiora ha creato, nel corso dei secoli, un canyon tra le rocce di basalto e calcare, infine il fiume si getta nel lago tramite una cascata alta circa sei metri che rende ancor più suggestivo il panorama. Il lago e' circondato da due alte scogliere, tanta vegetazione e una spiaggetta che durante i periodi di piena sparisce. Il laghetto del Pellicone e' stato teatro di molte scene cinematografiche, sicuramente le più famose sono quella di non ci resta che piangere, nella quale Troisi e Benigni incontrano il grande Leonardo, oppure la scena di tre uomini e una gamba quando si fermano durante il viaggio per fare un bagno.

5. Il Castello dell'Abbadia (27 km da noi)

parco_archeologico_di_vulci_-_castello_d

All’interno della vasta area del Parco Naturalistico di Vulci, si trova il Castello Medioevale dell'Abbadia sede del Museo Archeologico e raggiungibile attraverso lo spettacolare Ponte del Diavolo dal quale si gode di un panorama semplicemente mozzafiato!

Se avete già visitato il parco archeologico e la necropoli non potete assolutamente farvi sfuggire questa meraviglia, luogo perfetto per approfondire la storia e l'arte etrusca e scattare anche qualche indimenticabile foto panoramica!